Riscaldamento a raggi infrarossi: funzionamento e costi

01:28 Margherita Ambrogetti Damiani 0 Comments


Negli ultimi tempi, sono in molti a parlare di una innovativa tecnologia per riscaldare gli ambienti basata sull'utilizzo dei raggi infrarossi. Ma come funziona tale sistema? Il meccanismo alla base di un impianto a raggi infrarossi è semplice. In primo luogo, è necessario fare presente che gli ideatori di tale tecnologia si sono ispirati al sole ed alla sua capacità di generare energia. In ogni caso, è necessario fare presente che i raggi infrarossi utilizzatiper il riscaldamento non hanno nulla a che fare con i raggi ultravioletti. Questo sistema è molto interessante poiché riscalda gli oggetti senza, però, far aumentare la temperatura dell'aria. 

Esso è ideale per scaldare locali molto grandi. Ovviamente, è importante tenere a mente che ad essere riscaldato non è l'ambiente ma solo gli oggetti capaci di assorbire i raggi infrarossi. Il fatto di non riscaldare l'ambiente comporta un notevole risparmio energetico. Inoltre, gli impianti ad infrarossi costano dal 30% al 50% in meno degli impianti tradizionali. Per i primi freddi, quindi, un impianto di riscaldamento ad infrarossi è l'ideale. Oltre ad essere molto facile da montare, costa poco ed è particolarmente performante. 

 

Riscaldamento a raggi infrarossi: ecco come funziona


I sistemi di riscaldamento a raggi infrarossi sono ideali per stanze non troppo grandi o per le mezze stagioni. In commercio sono presenti moltissimi modelli ma il funzionamento è pressoché lo stesso per tutti. Essi, infatti, sono composti da un pannello con elementi termici. Riguardo a tale innovativa tecnologia, è utile fare presente che il calore generato dai raggi infrarossi stimola la circolazione del sangue e, dunque, influisce positivamente anche sulla salute. A giovarne è, poi, il sistema immunitario: i raggi infrarossi non seccano l'aria come i sistemi di riscaldamento tradizionali e, pertanto, agevolano notevolmente la funzione respiratoria.

0 commenti: